• Admin

La comunità celebra la memoria della venuta di San Paolo a Reggio


Ogni anno il 21 maggio, ricorre la Festa della Venuta di San Paolo a Reggio.

Da sempre la Chiesa Reggina vede nell'Apostolo delle Genti il suo fondatore, ossia colui che ci ha generato alla luce del Vangelo.

Nonostante l'attuale tempo di restrizione a causa delle vigenti normative legate alla pandemia del Covid-19, non potevamo far passare sotto silenzio questa cara storica memoria liturgica. Ed è per questo che alle ore 19.00 delle stesso giorno la comunità parrocchiale presente nei numeri prestabiliti (65 per l'esattezza) si è radunata insieme per celebrare con gioia la Messa solenne in onore del suo Santo Patrono. In genere, in tempi di pace, nel salone parrocchiale, seguivano sempre serate comunitarie con momenti musicali (karaoke, canti e balli) aperti a tutti.

L'animazione dell'evento era affidata ai giovani e agli adulti di Azione Cattolica della Parrocchia, che facevano di tutto per assicurare e regalare a tutti i presenti una bella serata di fraternità e di sano divertimento. Alla fine si condivideva una deliziosa e abbondante Agape fraterna.

Quest'anno per ovvi motivi purtroppo nulla di tutto questo è stato possibile.

È sembrato comunque opportuno riunirsi ugualmente insieme per un altro momento di spiritualità e di preghiera ritrovandosi alle ore 21.00 per l'Adorazione Eucaristica Notturna, una sorta di Veglia Paolina, vissuta insieme sotto lo sguardo amorevole del venerato San Paolo, al quale si è rivolta un'accorata preghiera per essere definitivamente liberati dalla terribile e mortale pandemia. La comunità parrocchiale ha sentito altresì il bisogno di rivolgere nella stessa sede una grande preghiera per il proprio quartiere di Via Reggio Campi dove negli ultimi giorni si sono registrati diversi attentati e gesti intimidatori da parte della criminalità organizzata locale (macchine incendiate, saracinesche colpite con diversi colpi di arma da fuoco, furti in appartamenti, etc.) per i quali si è auspicato una maggiore presenza e vigilanza da parte delle forze dell'ordine, ma anche una maggiore attenzione e responsabile da parte di tutta la cittadinanza. L'augurio diventato poi preghiera è che questo nostro quartiere, così come questa nostra città di Reggio che ha ricevuto direttamente dell'Apostolo Paolo l'inestimabile dono del primo annuncio della fede, possa diventare ogni giorno di più un luogo sempre più vivibile e sereno, e se Dio vuole più cristiano.

40 visualizzazioni