Il Consiglio Pastorale Parrocchiale

E' l'organo consultivo di partecipazione voluto dal Concilio Vaticano II per una maggiore organizzazione della vita pastorale parrocchiale. Nella nostra comunità parrocchiale è stato fortemente voluto e realizzato dal parroco, don Giacomo D'Anna, che ne è il Presidente. Egli si avvale dal servizio intelligente di un Segretario. Prima Segretaria è stata la compianta Pina Spadaro di venerata memoria, poi la Sig.na Pina Sorgonà, infine da più trienni Paola Toscano, che svolge con singolare diligenza questo delicato incarico. Il Consiglio pastorale si incontra in genere quattro volte l'anno. Il primo incontro, della sessione autunnale, è quello che ha il precipuo incarico di organizzare, stilando magari, un calendario tutte le attività liturgiche, formative e caritative dell'anno pastorale. Il secondo, nella sessione invernale, ha il compito di verificare i primi mesi di rodaggio della vita comunitaria: Il terzo, sessione primaverile, ha il compito di programmare e definire gli appuntamenti relativa alle celebrazioni pasquali e le date dei sacramenti (cresime, confessioni, e comunioni) che si ricevono in genere a fine anno pastorale, e il programma di massima dei Festeggiamenti Paolini, in coincidenza della Solennità del 29 giugno, festa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo. Infine l'ultima sessione, quella estiva, per la verifica di tutte le attività svolte nell'anno appena concluso e la programmazione dei campi estivi. Tutti i gruppi e le associazioni presenti e operanti in parrocchia ne fanno parte di diritto, in genere nella persona del suo massimo rappresentante che sono i presidenti o i responsabili di gruppo. altri membri possono essere liberamente scelti dal parroco. Il Consiglio pastorale raccoglie e presenta nei suoi vari incontri tutti i bisogni, le necessità e le eventuali critiche per il bene e la crescita dii tutta la comunità parrocchiale.