• admin

La comunità ricorda il giovane Vigile del Fuoco reggino Nino Candido


Si è celebrata martedì 12 novembre alle ore 17 nella nostra chiesa di San Paolo la S. Messa del settimo della morte del giovane vigile del fuoco Nino Candido e dei suoi due colleghi Matteo e Marco che proprio otto giorni fa hanno perso la vita nella tragedia di Alessandria.

Nella chiesa santuario gremitissima all'inverosimile oltre alla comunità parrocchiale di San Paolo anche numerosi fedeli della Comunità vicine di Spirito Santo, San Cristoforo, Cannavo'-Riparo e Condera-Pietrastorta, che nonostante le condizioni meteo davvero a limite per la tempesta di pioggia e vento in corso, hanno voluto dare un segno di solidarietà e di vicinanza alle famiglie Candido-Barreca. Presenti naturalmente i genitori di Antonino, papà Angelo e mamma Mariastella, la sorella Ilaria, ma anche la giovane moglie Elena Barreca accompagnata dal suo papà Mimmo e dalla sua mamma Patrizia.

Nella toccante omelia il parroco, monsignor Giacomo Giacomo D'Anna, ha avuto parole di conforto e di consolazione verso tutti i familiari ancora visibilmente affranti e provati, ma ha voluto trasmettere anche parole di incoraggiamento ed esternazione ad andare avanti, in quanto la vita deve continuare, così come per primo desidera l'indimenticabile congiunto prematuramente deceduto. "Si muore quando tutti si dimenticano di noi" ha continuato il parroco, anche lui visibilmente commosso in quanto molto legato ad Elena e Nino, ai quali il 19 settembre dello scorso anno aveva celebrato nella stessa chiesa il loro matrimonio. Il Parroco ha invitando tutti alla speranza cristiana che ci ricorda che "Le anime dei giusti sono nella mani di Dio e che loro continuano a vivere anche al di là della morte, nel cuore e nella mente di coloro che hanno tanto amato e dai quali hanno ricevuto tanto amore". Un lungo e affollato "licenziamento", per la tradizionale stretta di mano ha concluso il rito funebre riempiendo ancor di più di lacrime e commozione l'artistico sacro tempio.


0 visualizzazioni